Vedi tutti

Gli ultimi messaggi del Forum

La notte - Elie Wiesel

"Mai dimenticherò quella notte, la prima notte nel campo, che ha fatto della mia vita una lunga notte e per sette volte sprangata. Mai dimenticherò quel fumo. Mai dimenticherò i piccoli volti dei bambini di cui avevo visto i corpi trasformarsi in volute di fumo sotto un cielo muto. Mai dimenticherò quelle fiamme che bruciarono per sempre la mia Fede. Mai dimenticherò quel silenzio notturno che mi ha tolto per l'eternità il desiderio di vivere. Mai dimenticherò quegli istanti che assassinarono il mio Dio e la mia anima, e i miei sogni, che presero il volto del deserto.
Mai dimenticherò tutto ciò, anche se fossi condannato a vivere quanto Dio stesso. Mai".

La scienza dei Simpson - Marco Malaspina

Merita di essere letto da tutti gli amanti dei simpson, senza essere un testo esageratamente tecnico e approfondito permetterà al lettore fan della serie di apprezzarla meglio aprendo gli occhi su tantissime chicche e citazioni che spesso sfuggono all'occhio distratto o ignorante.

Victoria - Knut Hamsun

Benjamin definiva Hamsun un "maestro nell' arte di creare il personaggio dell'eroe sventato, buono a nulla, perdigiorno e malandato. I personaggi di Hamsun provengono dal mondo primitivo dei fiordi, sono individui mossi dala nostalgia dei troll."
Più del romanzo mi ha interessato la vita di Knut Hamsun che dovrò approfondire.
Invece molta dolcezza ho provato al pensiero che Isaac B. Singer abbia tradotto "Victoria" in yiddish, questo prima di partire da Varsavia per New York.

I Middlestein - Jami Attenberg

“Il cibo era fatto d’ amore, e l’amore era fatto di cibo”
Per Edie il cibo è anche ossessione, rifugio, gratificazione e alla fine, raggiunti i 150 chili, il cibo si rivela un’arma mortale.
Jami Attenberg ci racconta come una intera famiglia, i Middlestein , tranne alcuni tentativi, assista impotente alla necessità autodistruttiva di Edie.

La vita, istruzioni per l'uso - Georges Perec

È il romanzo più arzigogolato che abbia mai letto! Dopo i primi capitoli ho dovuto sospendere la lettura e documentarmi: ho stampato planimetrie, disegni, elenco oggetti, elenco locatari degli appartamenti e, essendo ignorante sul gioco degli scacchi, come si muove il cavallo sulla scacchiera, perchè è così che si sposta lo scrittore da una stanza all'altra del palazzo in Rue Simon-Crubellier 11 Paris, il 23 giugno 1975, qualche minuto prima delle otto di sera.
Ho anche deciso di leggere un solo capitolo al giorno di questo romanzo o "romanzi"!
Georges Perec, che ha dedicato il libro alla memoria di Raymond Queneau, è l’ autore di La Scomparsa, un testo in cui non compare mai la vocale “e”.

La spartizione - Piero Chiara

“Dall’alzata di porcellana sulla quale troneggiavano mele e pere, tolse una mela e la pelò tutto in tondo facendo un solo nastro di buccia. La mela era marcia per due terzi. Il Paronzini fece un cuneo del terzo buono e lo posò sulla tovaglia; poi prese un’ altra mela, che una volta volta sbucciata apparve anch’essa marcia per due terzi. Ripetè l’operazione di prima, mentre le sorelle lo guardavano in silenzio. Prese poi una terza mela, e benché fosse marcia solo a metà, tolse dal buono quanto bastava a comporre una mela intera con l’aggiunta dei due terzi che aveva messo da parte. Posò poi il coltello e con le mani mise insieme le tre parti e si guardò intorno. Il risultato era quasi perfetto.”