Il 2 giugno 1946 gli italiani furono chiamati alle urne per due scelte cruciali: quella della forma istituzionale (monarchia o repubblica) e quella dell’elezione dei membri dell’Assemblea Costituente, cui sarebbe spettato il compito di scrivere la nuova legge fondamentale dello Stato italiano. Fu inoltre la prima tornata elettorale nazionale cui parteciparono anche le donne.

Presentiamo dalle nostre raccolte una scelta di saggi per ricordare le vicende storiche e politiche della nascita della Repubblica Italiana e suggeriamo il completo e articolato webdoc di Rai Storia che ripercorre quella storica giornata e gli altri momenti salienti del contesto storico di quegli anni.

Trovati 14 documenti.

Giuro che non avrò più fame
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Cazzullo, Aldo <1966->

Giuro che non avrò più fame : l'Italia della Ricostruzione / Aldo Cazzullo

Milano : Mondadori, 2018

Abstract: Il primo film che le nostre nonne e le nostre madri andarono a vedere dopo la guerra fu "Via col vento". Molte si identificarono in una scena: Rossella torna nella sua fattoria, la trova distrutta, e siccome non mangia da giorni strappa una piantina, ne rosicchia le radici, la leva al cielo e grida: «Giuro che non soffrirò mai più la fame!». Quel giuramento collettivo fu ripetuto da milioni di italiane e di italiani. Fu così che settant'anni fa venne ricostruito un Paese distrutto. Come scrive Aldo Cazzullo, «avevamo 16 milioni di mine inesplose nei campi. Oggi abbiamo in tasca 65 milioni di telefonini, più di uno a testa, record mondiale. Solo un italiano su 50 possedeva un'automobile. Oggi sono 37 milioni, oltre uno su due. Eppure eravamo più felici di adesso». Ora l'Italia è di nuovo un Paese da ricostruire. La lunga crisi ha fatto i danni di una guerra. Per questo dovremmo ritrovare l'energia e la fiducia in noi stessi di cui siamo stati capaci allora. Cazzullo racconta l'anno-chiave della Ricostruzione, il 1948. Lo scontro del 18 aprile tra democristiani e comunisti. L'attentato a Togliatti e l'insurrezione che seguì. La vittoria al Tour di Bartali e l'era dei campioni poveri: Coppi e il Grande Torino, cui restava un anno di vita. Le figure dei Ricostruttori, da Valletta a Mattei, da Olivetti a Einaudi. Il ruolo fondamentale delle donne, da Lina Merlin, che si batte contro le case chiuse, ad Anna Magnani, che porta al cinema la vita vera. L'epoca della rivista: Wanda Osiris e Totò, Macario e Govi, il giovane Sordi e Nilla Pizzi. Ma i veri protagonisti del libro sono le nostre madri e i nostri padri. La loro straordinaria capacità di lavorare e anche di tornare a ridere. Il racconto di un tempo in cui a Natale si regalavano i mandarini, ci si spostava in bicicletta, la sera si ascoltava tutti insieme la radio; e intanto si faceva dell'Italia un Paese moderno.

Storia politica della Repubblica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Colarizi, Simona <1944->

Storia politica della Repubblica : partiti, movimenti, istituzioni : 1943-2006 / Simona Colarizi

Roma [etc.] : Laterza, 2007

Abstract: Da garanti del nuovo ordine democratico, costruito dopo la tempesta della guerra e i vent'anni di dittatura fascista, i partiti hanno svolto a lungo una funzione cardine, fino a identificarsi con lo stesso Stato e ad accreditare un'equazione distorta, come estrema difesa di un ceto politico sempre più delegittimato: democrazia uguale regime partitico. Con la fine della prima Repubblica, la nascita di nuovi soggetti politici e l'affermarsi del bipolarismo, inizia in Italia una fase di transizione complessa e ancora incompiuta. La cesura intervenuta nei primi anni Novanta impone una rilettura dell'intera parabola dei partiti, per spiegare le ragioni del loro dissolvimento, le loro identità e le loro culture in una scena politica profondamente cambiata, così come profondamente cambiata è la cornice internazionale alla quale per mezzo secolo il vecchio sistema ha fatto riferimento.

La Repubblica inquieta
0 0 0
Materiale linguistico moderno

De Luna, Giovanni <1943->

La Repubblica inquieta : l'Italia della Costituzione : 1946-1948 / Giovanni De Luna

Milano : Feltrinelli, 2017

Abstract: La storia dell'Italia repubblicana comincia nel caos. La fine della guerra ha lasciato dietro di sé un paese logorato e diviso, ma soprattutto ha fatto emergere le fratture di lungo periodo che il fascismo aveva oscurato a colpi di propaganda e di retorica nazionalista. Nel 1945 il paese è costretto a fare i conti con le profonde differenze che lo attraversano da nord a sud. C'è uno squilibrio economico, infrastrutturale e demografico, ma anche una forte contraddittorietà nel modo di reagire alla fine del conflitto: la guerra non è stata vissuta da tutti allo stesso modo. Chi si muove con energia, come gli operai del Nord, che dopo il rapporto con il Pci consolidato durante la guerra vogliono impadronirsi delle fabbriche, abita di fianco a chi torna da reduce e si ritrova improvvisamente senza riferimenti e senza lavoro. Dopo "La Resistenza perfetta", Giovanni De Luna sottopone i primi anni di vita della Repubblica italiana a un'indagine acuta e rigorosa. Cominciando con una domanda: è vero che la Resistenza aveva sostanzialmente fallito "l'occasione storica" di rinnovare profondamente le strutture portanti del paese? Per dipanare la complessità di questo periodo decisivo, De Luna costruisce una narrazione corale, fatta delle voci di una grande galleria di testimoni, a partire dalla storia personale di chi torna dalla guerra o va a cercare fortuna negli Stati Uniti, fino ai grandi scenari della politica, che hanno per protagonisti Alcide De Gasperi, Palmiro Togliatti, Ferruccio Parri e Pietro Nenni. E ci costringe a riflettere sulla nostra identità e sul nostro passato, spingendoci a fare i conti con uno dei capitoli più difficili, ma anche appassionanti, della nostra storia nazionale.

Costituzione della Repubblica italiana
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Italia <Stato> - Italia

Costituzione della Repubblica italiana : aggiornata alla Legge Costituzionale n. 1 del 2 ottobre 2007

Matelica : Halley, stampa 2009

Abstract: È tuttora vivo il dibattito accesosi intorno alla necessità di modifica della nostra Carta costituzionale, oramai vecchia di 60 anni, conclusosi, per il momento, con il Referendum del 25 e 26 giugno 2006, con il quale sono state respinte le proposte di cambiamento formulate dall'allora Governo in carica. Certamente, rispetto al testo originario, alcune importanti modifiche sono state apportate, ultime delle quali quelle contenute nella Legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001, la quale, com'è noto, ha rivisitato il Titolo V, ridisegnando le competenze dello Stato rispetto a quelle delle Regioni e degli altri Enti locali. A seguito della recente riforma, ad esempio, l'art. 117 della Costituzione riserva alla potestà legislativa regionale la competenza in diverse materie, definendo una sorta di competenza c.d. residuale, che si contrappone a quella c.d. esclusiva dello Stato o a quella c.d. di legislazione concorrente.

L'Italia della Repubblica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Montanelli, Indro <1909-2001> - Cervi, Mario <1921-2015>

L'Italia della Repubblica : 2 giugno 1946-18 aprile 1948 / Indro Montanelli, Mario Cervi

Gli ultimi giorni della monarchia
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Oliva, Gianni <1952- >

Gli ultimi giorni della monarchia : giugno 1946 : quando l'Italia si scoprì repubblicana / Gianni Oliva

Milano : Mondadori, 2016

La Costituzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Onida, Valerio <1936->

La Costituzione : [la legge fondamentale della Repubblica] / Valerio Onida

2. ed. aggiornata

Bologna : il Mulino, 2007

Abstract: Una Costituzione non è una legge qualsiasi, ma è la carta dei valori di fondo, dei diritti di tutti e delle regole per tutti. Questo volume ripercorre una pagina fondamentale della storia italiana, dallo Statuto albertino sino all'approvazione della Carta nel 1947, e mostra le fasi della nascita, dell'attuazione e delle modificazioni della legge fondamentale della Repubblica. Ne chiarisce l'architettura, i concetti chiave, il linguaggio e lo spirito, ne spiega i contenuti, dai diritti civili, politici e sociali all'organizzazione dei poteri dello Stato, fino alla giustizia e ai rapporti internazionali e con l'Europa, facendo emergere il senso e l'attualità dei principi che sono alla base della convivenza civile. Uscito per la prima volta nel 2004, il volume viene presentato ora in una nuova edizione che - oltre a dar conto delle modifiche della legge elettorale e delle vicende costituzionali culminate nel referendum del 2006 - comprende il testo integrale della Costituzione.

La Repubblica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ricci, Aldo Giovanni

La Repubblica / Aldo G. Ricci

Bologna : il Mulino, c2001

Abstract: L'Italia apprese di esser diventata repubblica il 5 giugno 1946, dalla conferenza stampa del ministro dell'Interno Giuseppe Romita, a seguito del referendum. L'assetto repubblicano non compariva sulla scena italiana da quando nel 1849 le repubbliche di Roma e Venezia erano state abbattute dalle armi straniere. Forma di governo, ma anche idea politica dalla profonda valenza etico-giuridica, la repubblica affonda le sue radici nella fase più gloriosa della storia di Roma, si tempra con le esperienze comunali e la Serenissima fino alle battaglie del Risorgimento e all'antifascismo: un ideale che fa parte costitutiva dell'identità italiana stessa. Nella lunga storia del repubblicanesimo l'Italia ha avuto un ruolo da protagonista, dovuto in particolare all'eredità romana, che è andato riducendosi a partire dalla seconda metà del '500, con la progressiva eclissi politica del paese e la sua emarginazione dai processi di modernizzazione. Un filone più o meno sotterraneo di quell'idea ha continuato a scorrere fino alla vigilia della rivoluzione francese, ed è tornato a emergere e a crescere, fino a divenire un fiume vigoroso, il cui corso si è via via sempre più legato a quello delle vicende nazionali-risorgimentali. A unità ormai acquisita sotto le insegne sabaude, l'opzione repubblicana ha convissuto a lungo con la monarchia esercitando il proselitismo come testimonianza ideale o propaganda irredentista. Di tutte queste vicende il volume ci restituisce non soltanto i protagonisti, i fatti, le idee, ma tenta di esplorare un terreno più vasto, cercando nella letteratura e nel costume, nella stampa, nell'iconografia e nella simbologia quelle tracce peculiari del repubblicanesimo italiano. Aldo G. Ricci lavora presso l'Archivio centrale dello Stato. Ha curato l'edizione critica dei Verbali del consiglio dei Ministri. 1943-1948. Tra i suoi libri recenti Aspettando la Repubblica. I governi della transizione. 1943-1946 (Donzelli, 1996), Il compromesso costituente. 2 giugno 1946-18 aprile 1948 (Bastogi Editrice Italiana, 1999).

1946
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Ridolfi, Maurizio <1957-> - Tranfaglia, Nicola <1938->

1946 : la nascita della Repubblica / Maurizio Ridolfi, Nicola Tranfaglia

Roma [etc.] : Laterza, 1996

Dalla monarchia alla Repubblica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Romita, Giuseppe

Dalla monarchia alla Repubblica : taccuino politico del '45 / Giuseppe Romita ; prefazione di Giuseppe Saragat

Milano : U. Mursia, 1973

Resistenza e postfascismo
0 0 0
Materiale linguistico moderno

Rusconi, Gian Enrico <1938->

Resistenza e postfascismo / Gian Enrico Rusconi

Bologna : il Mulino, c1995

Abstract: Per essere democratici oggi è ancora necessario essere antifascisti? Il riferimento alla Resistenza è tuttora determinante? E a quale resistenza ci si deve riferire? Sono questi gli interrogativi ai quali l'autore intende rispondere con questo volume che ripercorre alcuni passaggi decisivi che dalla Resistenza armata portano alla democrazia del 1945-47. Un momento centrale della nostra memoria storica e della nostra identità collettiva che si riflette inevitabilmente (da allora in poi) sul grado e sulla qualità della legittimazione della Repubblica.

L'Italia della Repubblica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

L'Italia della Repubblica : 1946-2006 : [catalogo della] mostra celebrativa dei 60 anni della Repubblica Italiana : [Roma 7 marzo-12 aprile 2006]

Roma : Gangemi, stampa 2006

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Questa manifestazione intende celebrare la ricorrenza dei sessanta anni dalla proclamazione della Repubblica. Si tratta di un'occasione per recuperare il nostro passato più recente, le nostre radici e al tempo stesso ripercorrere alcune delle tappe e dei momenti che hanno consentito la costruzione del nostro paese, o meglio la ricostruzione del nostro paese dopo la cupa parentesi del secondo conflitto mondiale. Un momento di costruzione di una memoria condivisa che è allo stesso tempo un riandare indietro nel tempo con la nostra memoria.

La nascita della Repubblica
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La nascita della Repubblica : mostra storico-documentaria / a cura dell'Archivio centrale delo Stato

[Roma] : Presidenza del Consiglio dei Ministri. Direzione generale delle informazioni, dell'editoria e della proprietà letteraria, artistica e scientifica, stampa 1988

La nascita della Repubblica e la sua Costituzione
0 0 0
Materiale linguistico moderno

La nascita della Repubblica e la sua Costituzione : il testo integrale della Costituzione e le immagini del 2 giugno 1946, il giorno della Repubblica / a cura di Gianmaria Ajani

Ed. speciale realizzata per Coop da Iniziative speciali De Agostini

Novara : DeAgostini ; Torino : Utet, c2011